Versione stampabile della discussione
Clicca qui per visualizzare questa discussione nel suo formato originale
gentes > La rosa dei venti > Di Razza Umana Ce N'è Una Sola


Inviato da: AlexSvoboda il Venerdì, 19-Set-2008, 18:20

Di razza umana ce n'è una sola
Manifesto degli Scienziati italiani contro il razzismo

user posted image

A distanza di settant'anni dal manifesto sulla razza italiana emesso nel 1938 sotto il fascismo, esce un nuovo manifesto, sempre da scienziati italiani, per ribadire l'esatto opposto del precedente.

Di razza umana ce n'è una sola. Un concetto semplice, che nel 2008 dovrebbe appartenere al bagaglio culturale di ciascuno di noi. Ma purtroppo, come le recenti vicende di cronaca insegnano, non è così.
Questa, amara, considerazione ha spinto il gruppo degli scienziati italiani Contro ogni razzismo, durante un meeting tenutosi in provincia di Pisa, a scrivere il Manifesto degli Scienziati Antirazzisti 2008.
L'iniziativa è sostenuta dalla Regione Toscana e punta a raccogliere le adesioni del maggior numero possibile di studiosi.

''Le razze umane non esistono. L’esistenza delle razze umane è un’astrazione derivante da una cattiva interpretazione di piccole differenze fisiche fra persone, percepite dai nostri sensi, erroneamente associate a differenze 'psicologiche' e interpretate sulla base di pregiudizi secolari. Queste astratte suddivisioni, basate sull’idea che gli umani formino gruppi biologicamente ed ereditariamente ben distinti, sono pure invenzioni da sempre utilizzate per classificare arbitrariamente uomini e donne in 'migliori' e 'peggiori' e quindi discriminare questi ultimi (sempre i più deboli), dopo averli additati come la chiave di tutti i mali nei momenti di crisi'', recita un quanto mai chiaro Articolo 1 del Manifesto.

I primi firmatari sono nomi di primo piano della scienza, tra i quali spicca il Premio Nobel Rita Levi Montalcini, Francesco Remotti, Elena Gagliasso, Alberto Piazza e tanti altri.

Sembrano lontani i tempi del Manifesto della Razza, sottoscritto nel 1938 da professori universitari italiani, che rappresenta una delle pagine più cupe della storia di questo Paese. Ma dopo settanta anni il mondo accademico è chiamato a dare un segnale diametralmente opposto, perché il razzismo è ancora tra noi. Anche se, come ricorda all'articolo 7, ''il razzismo é contemporaneamente omicida e suicida''.
Il documento di oggi risponde punto per punto a quello del '38, apportando evidenze scientifiche oltre che culturali.

http://www.peacereporter.net/dettaglio_articolo.php?idc=0&idart=12219
http://www.peacereporter.net/upload/documenti/1215171904894_Manifesto_antirazzista_2008.pdf
http://www.peacereporter.net/upload/documenti/Manif_Razz_comparato_2008_1938.pdf

Powered by Invision Power Board (http://www.invisionboard.com)
© Invision Power Services (http://www.invisionpower.com)