Cobra Skin
Ottimizzato largh. da 1024 a 1280


Sfoglia il forum  ╗  In Edicola  ╗  Il fatto

Reply to this topicStart new topicStart Poll

>Vivien! - I Sopravvissuti Delle Ande, 35 anni dopo l'incidente aereo
 
AlexSvoboda
Inviato il: Venerdý, 26-Ott-2007, 10:16
Quote Post


Administrator


Gruppo: Admin
Messaggi: 1626
Utente Nr: 1
Iscritto il: 16-Giu-2007




Vivien!

Only registered users can see pictures
Registrati o Entra nel forum!




Tradotto direttamente dal loro sito:
Venerdý 13 ottobre del 1972, un aereo uruguaiano che trasportava 45 passeggeri diretti in Cile, la maggior parte dei quali studenti e giocatori di rugby, Ŕ precipitato nelle Ande.
Dodici i morti nell'incidente. I sopravvissuti non solo hanno dovuto sopportare la fame tra le montagne, ma anche 30 gradi sotto zero di temperatura durante la notte.
Hanno cercato di sopravvivere con le scarse riserve alimentari che avevano in attesa dei soccorsi, ma hanno perso la speranza quando sentirono alla radio (con la quale riuscivano solo a ricevere) che la ricerca era cessata.

Disperati a causa della mancanza di cibo e fisicamente esausti, furono costretti a nutrirsi dei loro compagni morti per continuare a vivere. Infine, stremati dalle temperature estremamente basse e la minaccia di valanghe, come pure angosciati dalle continue morti di altri loro compagni e le cattive prospettive di salvataggio, due di loro decisero di varcare l'enorme montagna di raggiungere il Cile.

Il 22 di dicembre del 1972, dopo essere stati isolati per 72 giorni, il mondo scoprý che c'erano 16 sopravvissuti che lottavano contro la morte sulla catena montuosa delle Ande.

Quest'anno ricorrono 35 anni da quella tragedia, ed il loro ricordo Ŕ ancora vivissimo.

Only registered users can see pictures
Registrati o Entra nel forum!


Only registered users can see links
Registrati o Entra nel forum!
PMEmail Poster
Top
 
AlexSvoboda
Inviato il: Venerdý, 26-Ott-2007, 11:32
Quote Post


Administrator


Gruppo: Admin
Messaggi: 1626
Utente Nr: 1
Iscritto il: 16-Giu-2007



Interessante come i Testimoni di Geova giudicarono i fatti accaduti sulla loro rivista 'La Torre di Guardia', proprio due anni dopo:

Only registered users can see links
Registrati o Entra nel forum!


In pratica confrontano questo tipo di 'cannibalismo per necessitÓ', dove si era consumata carne umana da morti per cause indipendenti dalla propria volontÓ, ai trapianti di organi o alle trasfusioni di sangue.
Essendo loro appunto contrari a queste pratiche della medicina (con le motivazioni religiose che descrivono nell'articolo) condannarono il comportamento dei sopravvissuti, mentre da un punto di vista Laico (e forse anche cattolico) potrebbe proprio questa essere una chiave di lettura per comprendere, ed anche giustificare, quanto avvenuto, sebbene comunque eticamente non 'leggero' e dovuto all'estrema necessitÓ ed al carattere strettamente temporaneo della vicenda.

Su Wikipedia l'argomento sembra affrontato in modo alquanto approfondito, interessante soprattutto il passaggio sugli effetti biologici del cannibalismo non solo umano:

Non Ŕ stato ancora efficacemente dimostrato che il consumo di proteine della propria specie possa produrre effetti deterioranti per l'organismo cannibale. Tuttavia:
  • in certi girini, germi che nell'organismo cannibalizzato avevano stabilito una silente convivenza, attaccano l'organismo cannibale con molto maggiore virulenza, fino a condurlo a morte;
  • sembra che i prioni, resistendo all'aciditÓ gastrica, possano esser trasferiti da un individuo affetto a un altro mediante cannibalismo. Cosý pare esser successo col Kuru, una malattia prionica della Papua Nuova Guinea, area geografica entro la quale pratiche cannibalistiche, almeno funerarie, sarebbero state praticate fino alla metÓ del secolo scorso.


Only registered users can see links
Registrati o Entra nel forum!


Resta comunque da dire che in certe situazioni, anche solo per provare a comprenderle, occorrerebbe trovarcisi, anche se assolutamente da non augurare a nessuno...
PMEmail Poster
Top
Adv
Adv














Top
Lucrezia
Inviato il: Venerdý, 26-Ott-2007, 12:34
Quote Post


Unregistered









Credo che in un caso cosi il cannibalismo sia da giustificare.

Io stessa sarei contenta di sapere che la mia carne e' servita per salvare una vita umana.

Tanto poi la mangerebbero i vermi.....
Only registered users can see pictures
Registrati o Entra nel forum!
Top
 
AlexSvoboda
Inviato il: Venerdý, 26-Ott-2007, 12:44
Quote Post


Administrator


Gruppo: Admin
Messaggi: 1626
Utente Nr: 1
Iscritto il: 16-Giu-2007



Forse Ŕ pi¨ facile accettare di essere mangiati (dopo morti...) che non appunto mangiare la carne di qualcuno che si conosce, proprio com'Ŕ capitato ai superstiti della squadra di rugby.

Estremizzando, sarÓ quel 'complesso di Hansel' di cui pare aver parlato il cannibale di Rotenburg, in questa sua intervista-shock:

...Il cannibale ricorda di aver amato molto da bambino la favola di "Hansel e Gretel", che gli leggeva la madre, trovando particolarmente "interessante quando Hansel deve essere mangiato": "Voi non immaginate nemmeno quanti Hansel si aggirano su internet". A suo dire, in Germania ci sarebbero oltre 10mila tra cannibali e potenziali vittime che cercano di mettersi in contatto tra loro via internet.


Only registered users can see links
Registrati o Entra nel forum!
PMEmail Poster
Top
Lucrezia
Inviato il: Venerdý, 26-Ott-2007, 21:28
Quote Post


Unregistered









Quando ci si trova di fronte ad un bivio cosi difficile da scegliere deve prevalere l'impulso dell'istinto di sopravvivenza.
Mangiare un tuo amico e salvarti la vita o lasciarlo marcire in pace rispettando la sacralita' della morte?

Io penso che rispettare la propria vita cancelli la colpa del cannibalismo, solo nel caso che sia fatto per indubbia necessita' e non per puro gusto di cannibalismo.
Top
 
AlexSvoboda
Inviato il: Martedý, 08-Gen-2008, 13:19
Quote Post


Administrator


Gruppo: Admin
Messaggi: 1626
Utente Nr: 1
Iscritto il: 16-Giu-2007



Un caso simile, ma a quanto pare fortunatamente senza cannibalismo, in Russia.

Pescatori salvi dopo 3 mesi

A 90 giorni dal naufragio ritrovati gli 11 pescatori russi in Kamchatka: hanno vissuto grazie alla dispensa di una base militare abbandonata

Only registered users can see links
Registrati o Entra nel forum!


Clicca sull'immagine per vedere il video su Repubblica TV
PMEmail Poster
Top
 
AlexSvoboda
Inviato il: Giovedý, 02-Set-2010, 19:05
Quote Post


Administrator


Gruppo: Admin
Messaggi: 1626
Utente Nr: 1
Iscritto il: 16-Giu-2007



Only registered users can see youtube.com videos
Registrati o Entra nel forum!

PMEmail Poster
Top
Utenti totali che stanno leggendo la discussione: 1 (1 Visitatori e 0 Utenti Anonimi)
Gli utenti registrati sono 0 :

Reply to this topicStart new topicStart Poll

 



[ Script Execution time: 0.7879 ]   [ 20 queries used ]   [ GZIP Abilitato ]


Cobra Skin by InvisionSkins.com